Freccia
e-Mail FORUM PA NET - NEWSLETTER per una nuova Pubblica Amministrazione
archivio | per iscriversi | faq | per gestire i tuoi dati | per rimuoversi
IN QUESTO NUMERO
FORUM PA NET 200 di martedì 17 ottobre 2006 (104873 iscritti)
   
Arrow Partecipazione attiva
Arrow Finanziaria e finanze locali
Arrow Roma, una Provincia virtuosa
Arrow Per una sanità sostenibile
Arrow Una consultazione pubblica per la governance di internet
Arrow Eventi
Arrow Segnalazioni
   

editoriale

Partecipazione attiva
Nella scorsa settimana si sono svolte due assemblee (anzi tre), in modi diversi legati al mondo degli Enti locali, che mi sono sembrate di grande interesse, non solo per i contenuti, ma soprattutto per una nuova voglia di partecipare, di dire la propria, di esserci che vi ho letto. Si tratta della prima assemblea di Federsanità, l'associazione di aziende sanitarie e ospedaliere che fanno capo ad ANCI e della settima assemblea dell'ANDIGEL, l'associazione dei direttori generali delle città e delle province. I vertici politici e amministrativi degli Enti locali paiono aver smesso per un po' di piangere per i tagli in finanziaria e abbiano alzato lo sguardo per dire chiaro e forte cosa vogliono e cosa non vogliono.
Dall'assemblea di Federsanità troverete in TESI la relazione di apertura del nuovo presidente PierNatale Mengozzi; della seconda, quella dei cosiddetti city manager che si è svolta il 13 e14 ottobre a Cesena vorrei raccontarvi direttamente.
Oltre 50 direttori generali di Comuni e Province e circa altrettanti dirigenti apicali si sono dati appuntamento a Cesena per discutere liberamente di tre importanti aspetti del loro lavoro:

  • Cosa aspettarsi dal nuovo Codice delle Autonomie (ovvero il nuovo TUEL, Testo Unico degli Enti locali) : ne è nato un originale decalogo per il legislatore che vi propongo in bozza;
  • Come cavarsela a fare il bilancio in tempo di finanziaria : vedi il documento
  • Come organizzare un processo spontaneo di accreditamento dei propri curricola che garantisca la professionalità (e quindi i contribuenti che li pagano) ed insieme la libertà della scelta del vertice politico, sindaco o presidente di provincia che sia. È il punto più delicato che mi sembra però risolto brillantemente delineando un percorso volontario e la creazione di un elenco (non un Albo di cui non si sente proprio necessità) che iscriva tutti i DG o aspiranti tali che abbiamo visto certificata la propria professionalità. Un'azione di "moral suasion" potrebbe convincere i politici a scegliere liberamente il proprio DG, ma all'interno dell'elenco. Mi pare un esempio interessante.

Un'altra grande Assemblea di Enti locali è ancora in svolgimento (ecco la terza): quella dell'UPI (Unione delle Province d'Italia) di Milano. Anche qui grande partecipazione (mi pare che questa volta abbiano fatto il record delle presenze sia di pubblico che di... Ministri) e la presentazione di una visione molto più strategica del ruolo delle province. Forse proprio ora che si sente nuovamente qualcuno parlare della loro abolizione, le province metteranno a segno quel colpo d'ala che è necessario per raggiungere il ruolo centrale che in effetti hanno almeno su tre grandi temi: reti, filiera istruzione-formazione-lavoro, turismo, ambiente e sviluppo locale in un'ottica di governance per la competitività dei territori e per una strategia di area vasta. Su questi temi vi suggerisco di scaricarvi e leggere la relazione del Presidente dell'UPI Fabio Melilli dal sito dell'UPI: www.upinet.it .
Un ultima nota un po' "vanitosa" questa è la nostra duecentesima newsletter. Abbiamo cominciato nel novembre del 2000 questo nostro incontro: eravamo pochi (qualche migliaio di iscritti), ma lo spirito non era molto diverso (chi è un po' nostalgico si può riguardare quel primo numero qui: http://www.forumpa.it/forumpanet/2000/11/14/newsletter.html Ora siamo vicini a 105.000 iscritti, ma non è calato né l'entusiasmo né la voglia di nuovo. Tra breve vi presenteremo un neonato: il nostro BLOG per avere uno spazio libero per dire la nostra e la vostra e per parlare un po' senza peli sulla lingua.

Ne riparleremo,

per ora buon lavoro e buona lettura.


Carlo Mochi Sismondi

 

Dite la vostra