ERICSSON TELECOMUNICAZIONI SPA
Via Anagnina, 203
00040 Morena (RM)
Tel. 0672581 - Fax 067234581
www.ericsson.it



PROFILO ISTITUZIONALE

Prima industria svedese per capitalizzazione e per volume di esportazioni, il Gruppo Ericsson chiude il 1999 con un fatturato globale di circa 48.000 miliardi di lire. Il successo del Gruppo, nato nel 1876, si fonda sulla qualità e sull'innovatività dei suoi sistemi. Ciò grazie al grande impegno nella Ricerca e Sviluppo che nel 1999 ha occupato 23 mila persone (il 22 per cento degli addetti) in 25 Paesi, assorbendo il 13 per cento del fatturato, pari a oltre 6.240 miliardi di lire.
Tra i grandi fornitori di sistemi di telecomunicazione il Gruppo Ericsson è di gran lunga il più internazionalizzato: solo il 4 per cento delle vendite è realizzato sul mercato svedese, mentre il restante 96 per cento è capillarmente distribuito in 140 paesi. Alla fine del 1999 gli addetti erano 103.290.
La forza commerciale del Gruppo si basa in primo luogo sulle comunicazioni mobili: Ericsson è leader mondiale nelle reti cellulari, è all'avanguardia nelle reti mobili di terza generazione ed è tra i "tre grandi" nella commercializzazione dei terminali mobili.
Il successo nella telefonia cellulare nasce da una consolidata leadership nei sistemi di telefonia fissa, dove la centrale di commutazione AXE, con 140 milioni di linee installate o ordinate, è la più diffusa nel mondo. Ericsson è anche leader nei sistemi privati per utenza business: circa 13 milioni di linee sono state installate con la tecnologia dell'MD 110 Consono.
Protagonista nella rete fissa e poi nella rete mobile, Ericsson sta assumendo un ruolo di primo piano nella convergenza delle reti e nello sviluppo delle soluzioni Internet Protocol, attraverso le quali passa una quota in rapida crescita del traffico dati e voce.
In Italia, dove è presente da oltre 80 anni, ha un fatturato di oltre 3.100 miliardi di lire. L'Italia è il quinto mercato mondiale per il Gruppo dopo Stati Uniti, Cina, Gran Bretagna e Brasile.
Ericsson ha svolto un ruolo cruciale nello sviluppo delle telecomunicazioni del nostro Paese: circa il 65 per cento degli abbonati ai servizi radiomobili si avvale delle tecnologie Ericsson.
Oltre che di Telecom Italia e Telecom Italia Mobile, Ericsson è anche fornitore di altri importanti operatori telefonici come Wind, Albacom e Tiscali.
Nelle telecomunicazioni private, le reti di importanti aziende, amministrazioni ed enti pubblici sono state realizzate da Ericsson.
Ericsson, che ha sede centrale a Roma, ha quattro centri di Ricerca e Sviluppo (Roma, Pagani, Milano e Bologna).
La Ricerca e Sviluppo del Gruppo Ericsson, svolta per il 60 per cento fuori dalla Svezia, ha in Italia un nodo centrale.
Circa 650 addetti, che aumenteranno considerevolmente nel prossimo futuro, contribuiscono allo sviluppo delle nuove generazioni di prodotti e sistemi Ericsson. Le risorse italiane sono impegnate nelle aree più innovative delle comunicazioni: rete intelligente ISDN (lntegrated Services Digital Network), rete multimediale, sviluppo software per ponti radio punto-multipunto, nuovi servizi residenziali, sistemi di gestione di rete e supporto alle operazioni.